Ozono e Covid-19

Come ben noto la diffusione del contagio da COVID-19 è elevatissima. In circa il 10% dei casi l’infezione decorre con una importante polmonite interstiziale bilaterale le cui complicanze sfociano nell’insorgenza dell’Insufficienza Multioragano (MOF) causa del decesso del paziente. È altresì noto che ad oggi non è ancora disponibile il vaccino e le terapie farmacologiche sono in fase di sperimentazione

La Nuova FIO, Federazione Italiana Ossigeno-Ozono, ha patrocinato i protocolli ritenuti più rigorosi volti a valutare l’eventuale efficacia del trattamento con Ozono secondo modalità ben individuate. Tali protocolli, approvati da Comitati Etici, vengono applicati in alcuni Hub COVID sul territorio nazionale.

È importante sottolineare che l’Ossigeno-Ozono Terapia, quando applicata, deve essere impiegata sulla base delle evidenze scientifiche pubblicate in letteratura. A titolo esemplificativo e non esaustivo si indicano alcune delle caratteristiche della miscela ossigeno-ozono quali:

  • la reazione antiossidante indotta;
  • la migliorata capacità di trasporto dell’ossigeno;
  • la immuno – modulazione generata nell’organismo.

La Nuova FIO da anni raccoglie, aggiorna e mette a disposizione di tutti le evidenze scientifiche in tema di ozono sul sito lineeguidaozono.it. Ciò viene elaborato grazie al lavoro di tanti medici specialisti riunitisi nella Consensus Conference che annualmente pubblica i risultati della ricerca.

Matteo Bonetti
Presidente
Maurizio Maggiorotti
Segretario Nazionale

Download “Ozono e Covid-19” ozono-e-covid-19.pdf – Scaricato 578 volte – 826 KB